Il mestiere delle armi

Gli ultimi giorni di Giovanni de’ Medici (Giovanni dalle Bande Nere), capitano di ventura, le cui vicende diventano metafora della fine del Medioevo e dei suoi valori.

Attenzione: In caso di evento annullato o rinviato viene rimborsato il biglietto per intero, stornando la transazione sulla carta di credito o presso la struttura. Eventuali rinunce non danno diritto ad alcun rimborso, come pure i biglietti non ritirati e/o non utilizzati

Descrizione

Il film narra gli ultimi giorni di Giovanni de’ Medici (Giovanni dalle Bande Nere) capitano di ventura impegnato a fronteggiare l’avanzata delle truppe imperiali tedesche contro lo stato pontificio di papa Clemente VII, suo zio.


L
e antiche regole della guerra sono sconvolte dalle nuove armi, i cannoni, che distruggono con un solo colpo l’armatura del cavaliere: d’ora in poi l’uomo diventerà semplice carne da cannone.

Il mestiere delle armi di Giovanni delle Bande Nere è sorpassato dai nuovi strumenti di morte, le armi da fuoco. Vanno in crisi i valori che ispiravano il combattimento; al coraggio individuale subentra la tecnica e la possibilità economica di procurarsi le armi più potenti.

Così il film descrive la fine di un’epoca, il Medioevo. L’età dei cavalieri e dei loro castelli crolla sotto i colpi dei nuovi cannoni.

Trailer